La cura contrivisa (seconda dose)

Tu son solo una tera
che sconde tante vite,
e soto la bufera
le tien contrite.

Ma quando el sol se leva
cô ‘l vento su tu score
s’ilumina le ore
dei fiuri in ogni sesa.

Tu dormi più pesante
se ‘l sielo no’ te scolda,
ma púo tu dà vita e giolda
a tante piante.

[Biagio Marin, da El vento de l’eterno se fa teso – I, 1973, El canto disteso]

[Perché mica avevo dimenticato, eh.
Bisognava solo trovare quella giusta,
e quella giusta è senza dubbio questa.
]

Tag: , ,

Un Commento a “La cura contrivisa (seconda dose)”

  1. Dichtung ha detto:

    e el sol se ga levà

    almeno tre volte.

    (finalmente una paziente disciplinata :-))

Lascia una replica per Dichtung