Concentrazione (rituali pre-partenza)


Look at what I have found:
a seashell in a sea of shells.


[Dredg, Planting  Seeds,  2005]

                     *

° Mattina, andare a farsi tagliare i capelli. E alla solita, solita domanda dare la solita, solita risposta: no, grazie, non li tingo.

° Lavare le scarpe. Sempre quelle.

° Pranzo a casa. Convitati: due, dall’aria decisamente poco rassicurante.

° Caffè e dolce, sul balcone.

° Abbracciare. Mannaggiatté, failabbrava, fateibbravi, salutamammario.

° Di pomeriggio improvvisare un piccolo viaggio. E, in macchina, parlareparlareparlare (miseria, uaglio’, ma sputamm’ maje ‘nterra, ne’?).

° Sbagliare strada, parlandoparlandoparlando, tre volte (nello specifico: saltare due uscite della tangenziale, finire un attimo a Cava de’ Tirreni e tornare indietro). Compresi nella corsa, risate ‘n faccia e impietosi riferimenti al codice genetico ricevuto in eredità.

° Arrivare appena in tempo grazie all’aiuto di un incontro quasi inaspettato, e mai abbastanza ringraziato.

° Sorridere.

° Ascoltare.

° Ringraziare.

° Sorridere ancora, e sentirsi con il passare delle ore sempre più in-con-si-sten-te. D’istinto, a un certo punto, ad una folata di vento aggrapparsi ai riccioli notturni di chi sta accanto. Che c’è, piccere’? No, niente, scusa, è che. Vie’ qua, vie’.

° Tornare – dopo un kebab mmiéz ‘a via seduti per terra in una piazza piena di sorridente uagliunèra – sbagliando di nuovo strada e di nuovo ridendo. Ridendo, ridendo, ridendo. E poi cantando, finché c’è voce.

E dopo:

° A un’ora dalla partenza, perdere e ritrovare la direzione.

° Far entrare la nozione di spazio dentro una valigia.

° Ricordarsi solo all’ultimo minuto di non lasciare a casa una cosa indispensabile.

° Andare.

Tag: ,

5 Commenti a “Concentrazione (rituali pre-partenza)”

  1. keroppa ha detto:

    T’appreparoliétt’? 😉

  2. utente anonimo ha detto:

    Magari, ma prima dovrei aspettare la richiesta di riscatto che mi farà il carrozziere per ridarmi la macchina. Ormai sono quasi tre settimane che la tiene in ostaggio.

    Tot.

  3. yarilanci ha detto:

    Di sputare per terra, non se ne parla proprio.

    Del resto…parliamone 🙂

  4. keroppa ha detto:

    Ancora?!? Ma… ma… NON C’E’ TEMPO!

    (la verità è che voi giovani non avete abbastanza da fare, eh…)

Lascia una replica per utente anonimo