Σκιᾶς ὄναρ ἄνθρωπος

Uno, due, tre, pianeti, dimensioni, voci, sensi, forse, perché, è, cos’è, un tordo qui sul tetto che canta con me. Se suggerisco una risposta, è quella che mi è stata suggerita e sconnetto, sconnetto, i segni dai sensi se scrivere è rimestare nel calderone dei sogni come sognare è rimestare in quello delle immagini. Cambio carica alla penna e il tempo scorre sereno. Che strano. Cosa c’è di strano nel sentirsi tranquilli, al mondo? Nel sogno fa freddo, annoto, annotta, soppeso la penna, nei capelli odore di petrolio e fuori due bestie che litigano, non si capisce se cani o gatti. Pensiero: la doccia adesso o dopo? E poi vorrei sapere. Non so cosa, ma vorrei proprio sapere.

Tag:

4 Commenti a “Σκιᾶς ὄναρ ἄνθρωπος”

  1. utente anonimo ha detto:

    ha un ritmo fantastico, se posso dire.

    francesca

  2. keroppa ha detto:

    Zum-pa-ppa, zum-pa-ppa, zum-pa-ppa-ppa’… siniora, permette questo giro? 🙂

  3. macca ha detto:

    Bella.

    La danza di parole e tu.

    E sia concesso, diamine!

    :-))

    Daniele

    (Vedersi? Magari a G. non piove).

  4. keroppa ha detto:

    Ma dove non piove, dimmi tu. Forse in Slovenia. Avanzi una sgnapa, ‘cidenti a te. 🙂

Lascia una replica per keroppa