Del pensare come ritrovare

Danie’, se questo posto ti fa pensare si vede che tien’e ppigne ‘n capa, come dicono in Alto Adige. Comunque raccolgo il segnale e lo passo ad altri ben più pensanti, anche se, anche se.

E’ che per la verità non leggo molto in rete, sono uno di quegli utenti pigri che si affezionano alle Voci, e con tempi affettivi antidiluviani. Per cui non so nemmeno se ci arrivo, a cinque. Il criterio di scelta, però, potrebbe essere più che altro quello che ho letto in un altro posto in cui ho visto passare questa palla. Qualcosa del tipo: mi fanno pensare nel senso che quello che dicono poi me lo ritrovo ovunque intorno. Fuori dalla rete, aggiungo.

E dunque, mboh, vediamo.

Alessandro e Totentanz, senza se e senza ma.

No, non ci arrivo a cinque. Veramente dovrei copiare in blocco la lista degli s-vincoli lì sotto, perché quelli sono esattamente i posti della rete che. Ma va bene così.

[a te che mi hai passato il segnale: questo ti costerà per lo meno un limoncello, tien’ mente]

Tag: ,

Un Commento a “Del pensare come ritrovare”

  1. macca ha detto:

    Mi costerà di più, lo so.

    Esercizi di stima, come dice M.

    E se lo dice Lei, ci devi crdere.

    Daniè

Lascia una replica per macca