на улице (e due, e tre, e via)

Mmiez’ ‘a ‘na via me ne voglio i’
e tutt’ ‘o juorno me voglio canta’,
e tutt’ ‘o juorno me voglio canta’.

Me sento rìcere pe’ mmiez’ mie
nun tengo ‘o core pe’ sta’ a la casa mia,
nun tengo ‘o core pe’ sta’ a la casa mia.

Ma nunn’è ovèro, nunn’è ovèro
‘o tengo ‘o core ‘e sta’ mmiez’ ‘a na via,
‘o tengo ‘o core ‘e sta’ mmiez’ ‘a na via
.

[Assurd, da Intrasatta, 2002]

Resta solo da allargare le braccia, mo’.
Mmiez’ a via.
E po’ se parte.

Tag: , ,

4 Commenti a “на улице (e due, e tre, e via)”

  1. macca ha detto:

    Mò qualcuno è tornato, no?

    Dove sono le prove?

    Daniele

  2. macca ha detto:

    Guarda che il prossimo passo è da l’untuoso “Gianni”.

    Con dopo cena a base di foto.

    E sgnapa.

    Daniele

  3. keroppa ha detto:

    Mh, “passo” verso cosa, Danie’… la galera? No, perché in una serata così secondo me ci arrestano. 🙂

  4. macca ha detto:

    Beh, se la Compagnia vale la pena, catechizziamo anche un pò di poliziotti…

    No?

    Daniele

Lascia una replica per keroppa