Svegliarsi ridendo (uno di due): premure

Ehilà, buondì! 

No, senti qua, devo condividere un attimo.

Alle 5.30 stamattina L. mi viene a salutare prima di andare al lavoro, e durante il tragitto (da giù a su) fa di tutto per trovarmi sveglia.

Quindi, nell’ordine:

– schianta un’anta del mobile in cucina,
– ammazza una zanzara in bagno,
– inciampa sul primo scalino in camera da letto cercando di guarnire  la parete  della stanza con parti  di sé,

– e alla fine  mi fa: "Senti teso’, per favore, riesci  a comprarmi delle  merendine normali per la colazione? Sai… i  plum cake sono fatti di PELUCHE".

[Ecco. E poi uno sta lì a meravigliarsi del gatto…]

Tag: , ,

2 Commenti a “Svegliarsi ridendo (uno di due): premure”

  1. alex321 ha detto:

    Quanti oggetti gli hai lanciato dietro??

  2. keroppa ha detto:

    Alle 5:30 del mattino? Penso non sia riuscita a lanciargli niente… e, per quel ne so, attualmente è lei stessa impegnata a confezionare un plum cake di pezza, con tanto di incarto. Ah, è l’ammòre… no, anzi: è un’associazione a delinquere. Gatto ivi compreso. 😉

Lascia una replica per keroppa